Olio su tela. Friday su black – 45 x 45

Friday su black – 45×45

di Davide Musso

Possiamo dirlo con assoluta certezza e senza timore di smentita alcuna. Il black friday ci ha scartavetrato l’apparato urogenitale. Vedo gente senza nemmeno gli occhi per piangere attendere questo appuntamento come se fosse l’ultima puntata del trono di spade, gente senza più impronte digitali ordinare inutilità su Amazon, donne impazzite fare 176 minuti di fila alla cassa di Zara per risparmiare cinquanta centesimi, primitivi fare a clavate per l’ultimo maledetto litro d’olio di semi, manco fosse miracoloso.

Venerdì mattina davanti un noto centro commerciale all’orario di apertura c’era più folla del lunedì mattina davanti l’Inps, la marmaglia era accalcata davanti le porte con visi e mani incollate ai vetri come tanti zombie usciti dalla pellicola di Romero.

Al momento dell’apertura i commessi sono scappati via per non essere travolti da cotanta crassa e grassa ignoranza. Poveri noi, e non intendo in senso figurato, noi poveri mortali di fatto e di portafoglio invece osserviamo alla finestra muti, severi e giudicanti, e con tutto il disprezzo del mondo invochiamo la fine, e non del blec fraidei ma del mondo.

Facebooktwitterredditpinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *