Olio su tela. Word su excel – 20×10

Word su Excel – 20×15

di Davide Musso

C’è l’amico tuttologo, l’amico allenatore, il famoso cugino che prenota viaggi su internet, l’amico enologo, il vate del karaoke e soprattutto l’amico esperto di computer. È di quest’ultimo che il pittore oggi ci vuole raccontare. Frequentatore compulsivo di reparti di elettronica, riparatore di pc a tempo perso e gran guru dei cellulari, è lui l’ultima spiaggia a cui tutti scriviamo su Facebook quando abbiamo un pc con la tosse o un cellulare con l’alzheimer.

Ed è in quel preciso momento che il nostro esperto sale in cattedra, innanzitutto sbeffeggiandoci per aver acquistato a suo dire un pc/cell assolutamente scarso, ormai obsoleto e di poco valore. Naturalmente la sua è una tecnica collaudata per mettere le mani avanti in vista del disastro imminente. Il nostro amico subito si prenderà carico della riparazione e da qui inizierà il calvario.

Il povero computer rimarrà sequestrato per un periodo che andrà dalle 7 alle 9 settimane, durante le quali verrà riavviato e resettato decine di volte, gli verrà smontata la ventola che successivamente rimontata emetterà il suono di un 747 in fase di decollo, gli installerà tutti gli anti-virus gratuiti sul mercato e si diletterà col sempre eterno control-alt-canc.

Al termine delle 9 settimane e mezzo il nostro Bill Gheizz ci restituirà un computer più confuso di Luca Giurato davanti a un libro di grammatica, consigliandoci di portarlo in assistenza perché purtroppo il problema è dovuto alla supercazzola prematurata 2.0 MS-DOS con resettamento a destra.

Arresta il sistema
Riavvia il sistema
Metti la cera
Togli la cera

Facebooktwitterredditpinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *