Connect with us

Elettronica

Miglior Telefono Dual Sim nel 2020

Dante Alighieri

Published

on

We are supported by readers. When you purchase through links on our site, we may earn an affiliate commission.

Mentre la maggior parte può cavarsela con un solo telefono SIM, c’è qualcosa da dire sulla flessibilità che viene fornita con un dispositivo dual SIM. Una configurazione a doppia SIM consente di avere due numeri di telefono diversi, consentendo al contempo di utilizzare una SIM per i dati e un’altra per chiamate / messaggi. Abbiamo arrotondato un elenco dei migliori telefoni Android dual SIM attualmente disponibili sul mercato.

Tieni presente che alcune reti e mercati potrebbero offrire una sola versione SIM del telefono elencato qui, quindi dovresti chiedere al tuo fornitore di servizi o rivenditore locale prima di schizzare denaro.

I telefoni dual-SIM sono sempre stati popolari nei mercati globali e ora stanno iniziando a prendere piede negli Stati Uniti Un telefono dual-SIM offre maggiore flessibilità in quanto è possibile utilizzare due numeri diversi sullo stesso dispositivo, rendendolo un’ottima scelta per chi viaggia molto. Puoi utilizzare efficacemente la tua SIM principale e prelevare una SIM locale da utilizzare sullo stesso dispositivo, annullando la necessità di trasportare due telefoni.

Quasi la maggior parte dei popolari smartphone sono dotati di doppia SIM. Sono finiti i giorni in cui dovevi trasportare 2 telefoni solo per poter separare le tue reti aziendali e personali. Questo è uno dei maggiori vantaggi di avere uno smartphone dual sim, è possibile assegnare un numero per lavoro e un altro per amici e familiari.

1. OnePlus 7 Pro

 

OnePlus 7 Pro offre un bel po ‘di valore per ciò che l’azienda chiede, ma mancano alcune funzionalità chiave per le quali i consumatori potrebbero essere disposti a tossire l’impasto extra. Mentre la versatilità del display e della fotocamera sono molto migliori di quanto non fossero sul OnePlus 6T, la durata della batteria declassata, la mancanza di ricarica wireless e la mancanza di resistenza all’acqua rendono questa opzione, piuttosto che un gioco da ragazzi.

OnePlus 7 Pro si sente come il primo dispositivo dell’azienda che è davvero entrato nello spazio iper-premium. È più grande, più veloce e più costoso di qualsiasi dispositivo OnePlus prima. La società ha chiaramente ascoltato l’input dei fan attorno al design di questo telefono, ma ha anche aggiunto funzionalità fatte per competere direttamente con Samsung e Huawei – e mostra il prezzo.

OnePlus 7 Pro ha un display da 6,67 pollici che è ottimo per consumare contenuti multimediali, ma non si presta all’uso con una sola mano.

OnePlus raggiunge questo design quasi privo di cornice nascondendo la fotocamera selfie in un meccanismo a comparsa nella parte superiore del dispositivo. Il meccanismo è abbastanza silenzioso e veloce e puoi persino usarlo per lo sblocco del viso senza saltare un colpo. OnePlus afferma che occorrono 0,53 secondi per far emergere la fotocamera dalla custodia e 0,65 secondi per riconoscere il tuo viso per sbloccare il dispositivo.

Sul lato destro del fotogramma, troverai il pulsante di accensione e il classico interruttore di silenziamento fisico, mentre a sinistra troverai i bilancieri del volume. Il telefono è piuttosto nudo altrimenti, tranne per la fotocamera pop-out nella parte superiore.

La parte inferiore del dispositivo ospita anche una porta USB-C. A sinistra di questo, troverai uno slot dual-SIM, ma non c’è espansione della scheda Micro-SD in questo dispositivo. Non troverai neanche un jack per cuffie.

Nel complesso, il posizionamento per questo dispositivo è piuttosto strano. È ancora molto più economico della concorrenza, ma salta molti concetti fondamentali che molti utenti trovano importanti. La sua fotocamera è abbastanza buona, ma soffre di scarsa luminosità. La durata della batteria è nella media al massimo. Non puoi usare ufficialmente questo telefono sotto la doccia. Non c’è un jack per le cuffie. Né c’è la ricarica wireless. Se queste sono tutte le cose di cui hai bisogno, dovrai pagare per un flagship più costoso per ottenerle.

2. Huawei P30 Pro

 

 

Con il P30 Pro, Huawei ha preso le idee che ha introdotto con il P20 Pro l’anno scorso e ha funzionato con loro. L’impressionante zoom ottico senza perdita di 3x che ha aiutato il P20 Pro a catturarci una recensione a cinque stelle l’anno scorso è stato aumentato allo zoom ottico 5x. Non solo, ma c’è anche una funzione di zoom ibrido lossless 10x che utilizza l’IA integrata nel chipset Kirin 980 per affinare i tuoi colpi e rimuovere qualsiasi sfocatura dai movimenti della mano. È roba davvero impressionante.

Naturalmente, poiché Huawei ha semplicemente aumentato la quantità di zoom che ottieni dall’ultima serie P, potresti essere perdonato per pensare che si tratti di un aggiornamento privo di fantasia o iterativo della formula dell’anno scorso.

Huawei non ha smesso di migliorare le capacità di zoom. Invece, Huawei ha ricostruito il suo intero sistema di telecamere da zero, una revisione completa che inizia con il sensore nel nuovo sistema a quadrupla fotocamera. Invece di optare per un sensore RGB (rosso-verde-blu) standardizzato, come letteralmente qualsiasi altro produttore di smartphone sul pianeta, Huawei ha deciso di utilizzare un sensore RYYB (rosso-giallo-giallo-blu) nel P30 Pro. Questo perché i sensori gialli possono assorbire il doppio della luce rispetto ai loro omologhi verdi, il che significa che possono raccogliere molte più informazioni ad ogni pressione del pulsante di scatto.

Come prevedibile, l’ultimo smartphone di punta di Huawei esegue il suo ultimo sistema operativo. Soprannominato EMUI 9.1, il software si basa su Android 9.0 Pie.

La quadrupla fotocamera lancia il guanto di sfida ad altri produttori di smartphone. Sì, ci sono le solite modalità ritratto che vantano bokeh e angoli ultra-ampi visti sui telefoni concorrenti, ma lo zoom ottico e ibrido migliorato sono le vere stelle qui. In poche parole, Huawei P30 Pro ti consente di scattare foto che semplicemente non potresti ottenere con nessun altro telefono.

3. Motorola Moto G7 Plus

 

 

Lo smartphone più potente della serie G fino ad oggi è ricco di funzionalità e con un grande schermo, fotocamere solide e prestazioni sufficienti è un ottimo dispositivo per coloro che non possono permettersi un fiore all’occhiello a tutti gli effetti.

Se non hai visto il prezzo prima di ritirare il Moto G7 Plus, ti perdoneresti di presumere che costa quasi il doppio di quello che Motorola sta effettivamente chiedendo per il portatile. La parte anteriore e posteriore sono in vetro, racchiudendo un telaio metallico che si sente sicuro e relativamente premium nella mano. Tocca il vetro posteriore e suona un po ‘vuoto – dando via le sue credenziali convenienti – ma non è qualcosa che farai spesso.

I tasti di accensione e volume si trovano sulla destra del ricevitore e cadono bene sotto il pollice o il dito, con il pulsante di accensione che offre una finitura strutturata che fornisce un evidente feedback tattile sul tasto su cui si trova il dito.

Passando l’attenzione al display Moto G7 Plus troverai uno schermo Full HD (2270 x 1080) da 6,2 pollici. C’è una cornice minima nella parte superiore del display, con la fotocamera frontale alloggiata in una tacca a goccia che taglia il display.

Nella parte inferiore dello schermo c’è una cornice più spessa che ospita il marchio Motorola, che è un altro segnale che Moto G7 Plus non è altrettanto premium come alcuni dei suoi rivali più costosi che riducono al minimo la cornice quasi inesistente.

4. OnePlus 6T

 

 

OnePlus 6T offre hardware di prim’ordine tra cui un processore ad alta velocità e un’eccellente fotocamera per centinaia di dollari in meno rispetto ai suoi concorrenti. Per i clienti statunitensi, funziona sulla rete di Verizon.

I fedeli fan di OnePlus sono già al corrente di tutto ciò. E potrebbero in realtà essere delusi da alcune delle modifiche del 6T, tra cui la mancanza di un jack per cuffie e un prezzo di partenza più alto rispetto a prima. Il prezzo è stato aumentato perché l’opzione di archiviazione di base è raddoppiata da 64 GB a 128 GB.

Ma che tu sia a conoscenza dell’azienda da anni o ne abbia sentito parlare oggi, OnePlus 6T è un telefono fantastico che costa molto meno dei suoi concorrenti. E se la società continua a farsi strada con corrieri e rivenditori negli Stati Uniti e in altri paesi, non passerà molto tempo prima che non dovrò spiegare di cosa si tratta al mio prossimo incontro sociale. Potrebbe essere solo un pelo di differenza, ma dopo aver usato il 6 regolarmente, posso percepire quella seconda varianza.

Ci sono altri gesti esclusivi di OxygenOS – questo è ciò che OnePlus chiama la sua skin Android – che puoi abilitare anche tu, anche se raramente li ricordo mentre uso il telefono. Ma a parte questo, e alcuni extra elencati di seguito, OnePlus non ha aggiunto molto altro al sistema operativo. Accolgo con favore, dato che una delle mie cose preferite dei telefoni OnePlus è la sua visione minimalista su Android e la mancanza di bloatware.

5. Huawei Mate 20 Pro

 

 

Il Mate 20 Pro è il più piccolo dei flagship della serie Mate di Huawei. Il Mate 20 normale offre un display LCD da 6,53 pollici con proporzioni 18,7: 9, mentre il Mate 20 Pro offre un display OLED curvo da 6,39 pollici con proporzioni 19,5: 9. Sorprendentemente, esiste anche un terzo dispositivo per mercati selezionati: il monster Mate 20 X ha un display AMOLED da 7,2 pollici con proporzioni 18,7: 9. Più piccolo e più comodo in mano, Mate 20 Pro offre anche una nuova funzionalità ai dispositivi Android.

Il pannello 2k + OLED vanta tutte le caratteristiche che rendono piacevole la visualizzazione dei display OLED e offre un’eccellente riproduzione dei colori e luminosità. Mate 20 Pro batte il Pixel 3, che ha uno dei migliori display di sempre, in condizioni di visibilità diurna, e produce colori che sono perfetti ma non eccessivamente saturi come alcuni smartphone. Se provieni da uno smartphone OLED più vecchio, potresti trovare il display un po ‘meno vivido a cui sei abituato, ma ci sono opzioni per regolare il tono e persino la tonalità nel menu delle impostazioni.

Il design è stato leggermente aggiornato dal P20 Pro con l’aggiunta di un motivo sfumato coordinato al rivestimento in metallo, e la simmetria e le curve lo rendono incredibilmente ergonomico e comodo da usare. C’è anche una nuova versione Hyper Optic Patterned del Mate 20 che lascia cadere il gradiente per un sottile motivo inciso sulla superficie. Questa versione offre una presa extra e toglie anche le impronte digitali, ma la versione crepuscolare è quella che vorrai acquistare.

Mate 20 Pro aggiunge anche la ricarica wireless Qi, rendendolo un gioco da ragazzi ricaricare durante la notte. Ho usato il Pixel Stand per caricarlo durante la notte e funziona esattamente come ti aspetteresti. La grande batteria e la ricarica rapida creano una combinazione vincente che ti consente anche di sfoggiare un po ‘. Mate 20 Pro non solo supporta la ricarica wireless, ma può anche trasformarlo in un caricabatterie wireless per ricaricare l’altro telefono.

Dal design e dall’hardware all’incredibile durata della batteria e all’eccezionale fotocamera, c’è molto che amo del Mate 20 Pro. Questo è un telefono che spunta ogni casella per me, e funzionalità come la ricarica wireless inversa, il sensore di impronte digitali sul display, il rilevamento del volto 3D, prestazioni incredibili e una batteria che continua a funzionare lo fanno risaltare.

Sì, c’è l’inevitabile discussione polacca contro potenza che è standard con gli smartphone Huawei. Non è lucido come un Pixel o Note 9, né riceverà aggiornamenti velocemente come altri dispositivi, ma questi sono meno importanti per me e le differenze sono più piccole che mai. Se stai cercando pura potenza e prestazioni, Mate 20 Pro batte tutto il resto.

6. Asus Zenfone 5Z

 

 

Come la maggior parte degli smartphone Asus premium, lo Zenfone 5Z sembra sorprendente. Il retro in vetro con un motivo leggero a cerchi concentrici sembra rad. Tra il vetro 2.5D sul davanti e sul retro, c’è un telaio metallico in alluminio aerospaziale.

Non solo ha un bell’aspetto, ma è anche ben costruito. Con soli 155 grammi, Zenfone 5Z è leggero, con una buona distribuzione del peso su tutta la lunghezza del dispositivo. È bello tenerlo, davvero, nonostante la sua sensazione squadrata. Sfortunatamente, il design interamente in vetro rende lo smartphone un magnete a sbavature. Certo, questo è praticamente previsto.

Il telefono ha un ampio display 19: 9 e il giro attorno ai pannelli di vetro è continuo. Asus è riuscito a ridurre al minimo la sporgenza della fotocamera sul retro. Nel complesso, l’Asus Zenfone 5Z sfoggia un design eccezionale, con un retro in vetro accattivante. Non esiste una classificazione IP, quindi fai attenzione alle intemperie.

Il display è abbastanza nitido e gli angoli di visione sono abbastanza buoni. È un LCD ben calibrato e immagini e testo appaiono nitidi, anche all’aperto.

Lo Zenfone 5Z ha probabilmente uno dei migliori pannelli LCD su uno smartphone Android, specialmente in questo segmento. I neri sono piuttosto profondi e i colori sono davvero pop. Puoi cambiare la vasta gamma di colori in modalità standard o personalizzarla a tuo piacimento, ma ti consiglio di lasciarla così com’è. La vasta gamma di colori è piuttosto sorprendente.

L’Asus Zenfone 5Z merita grandi oggetti di scena come uno smartphone premium a tutto tondo. Se stai cercando un dispositivo di punta di fascia media, questa è sicuramente una delle migliori opzioni.

7. Apple iPhone XR

 

 

L’iPhone XR offre prestazioni veloci, ottime fotocamere e una maggiore durata della batteria rispetto ad altri telefoni di punta, il tutto in un pacchetto colorato e conveniente.

Se pensi che la maggior parte degli iPhone sembri troppo conservativa, l’iPhone XR cambierà idea. Apple ha ottenuto un aspetto divertente ma elegante tramite una procedura di colore a sette strati.

I schienali in vetro sono disponibili in nero, bianco, blu, giallo, corallo e rosso. Sono parziale al blu ceruleo. Tutte queste tonalità hanno bande di alluminio in tinta, che si fondono perfettamente con la parte posteriore. Ho anche trascorso un po ‘di tempo con i modelli giallo e corallo. Il giallo non è brillante come le foto vorresti farti credere; è più di un giallo limone.

Lo schermo LCD da 6,1 pollici Liquid Retina per iPhone XR è uno dei display per smartphone più luminosi e colorati. Non è semplicemente OLED. Tra i lati positivi, lo schermo da 1792 x 828 pixel offriva dettagli eccellenti quando guardavo il trailer di Aquaman, in quanto riuscivo a distinguere ogni scala nella sua uniforme da supereroe. (Sì, anche se questo pannello non è tecnicamente full HD.) E i raggi laser sparati ad Amber Heard erano di un blu intenso.

Puoi anche scattare foto in modalità Ritratto con l’obiettivo posteriore, completo di effetto bokeh artistico, ma c’è un problema: per ora, la fotocamera posteriore può scattare ritratti solo di persone e se provi qualcos’altro, l’iPhone ti dirà che è aspettando che una persona entri nel frame. Pixel 3 non ha questa limitazione.

L’iPhone XR ha incredibilmente pochi compromessi rispetto agli iPhone più costosi. Ottieni un display grande e luminoso, ottime fotocamere, prestazioni veloci e lunga durata della batteria a un prezzo molto conveniente. Nel complesso, preferiamo l’iPhone 11 per le sue foto migliori in condizioni di scarsa illuminazione, ma se hai un budget limitato dovresti essere molto soddisfatto dell’iPhone XR.

8. Honore vista 20

 

 

Honor ha rinominato la sua serie V in “View” al di fuori della Cina a partire da View 10. Aveva caratteristiche simili a Mate 10 Pro ma il suo aspetto era noioso e datato dal contrasto. Il View 20 sembra che il View 10 sia sbocciato in una moderna ammiraglia premium al confronto.

Honor View 20 implementa anche una fotocamera frontale perforatrice sul display, che la spinge ulteriormente in moderni design edge-to-edge. Non abbiamo grossi problemi con questa fotocamera a perforazione, ma non possiamo dire che sia meno invadente di una tacca a forma di goccia di rugiada.

Honor View 20 è innegabilmente un telefono molto attraente. La cosa più notevole al riguardo è il vetro posteriore ultra-lucido con un design distinto. È certamente un argomento di conversazione, in particolare negli Stati Uniti in cui alcune persone a cui abbiamo mostrato questo telefono non hanno mai visto o sentito parlare del marchio e hanno proceduto a ooh e ahh su quanto sia brillante il retro del telefono.

Honor ha usato View 20 per mostrare quanto bene potesse mettere una fotocamera a perforazione nella fotocamera di View 20. Questo è stato il primo tentativo di Huawei e Honor di visualizzare un display con un foro allo scopo di posizionare una fotocamera dietro di esso. L’esecuzione della funzione non è perfetta in quanto possiamo vedere un leggero scolorimento dei pixel attorno al foro della fotocamera, ma funziona come previsto e potrebbe essere potenzialmente utilizzato nei telefoni Huawei in futuro.

Honor View 20 ha un LCD IPS da 6,4 pollici di ampie dimensioni e nella nostra recensione iniziale lo abbiamo elogiato per la sua visibilità alla luce del sole nonostante la luminosità piuttosto media di 479 nits. Il metodo di Huawei per migliorare la leggibilità della luce solare è spostando l’intensità dei colori per renderli più visibili alla luce solare diretta. Mentre potrebbe essere giusto vedere il testo nero su uno sfondo bianco, è molto più difficile vedere le foto alla luce diretta del sole.

Il telefono numerato da Honor (Honor 8, Honor 9, Honor 10) era l’ammiraglia globale dell’azienda. Quindi ha deciso di cambiare direzione con il suo portafoglio e mettere un dispositivo di fascia alta che sarebbe ancora più vicino alle ammiraglie premium attualmente in carica di Huawei sin dal View 10 con le sue somiglianze con Mate 10 Pro in quel momento.

9. Xiaomi Pocophone F1

 

 

Con un chipset di punta, una batteria di grandi dimensioni, un display luminoso e fotocamere in grado di offrire un prezzo allettante, il Pocophone F1 è un nuovo entusiasmante ingresso nel gioco per smartphone. Ma per qualche seccatura, è quasi il telefono economico perfetto.

Xiaomi è un nome non ampiamente conosciuto nel mondo occidentale, almeno al di là di quelli ben versati nel panorama dei consumatori. L’azienda si è guadagnata la reputazione di creare dispositivi attraenti e potenti a prezzi stracciati, guadagnando una posizione dominante nei mercati indiano e cinese, in particolare negli ultimi cinque anni. Esistono quattro varianti, le tre principali sono le seguenti: 6 GB di RAM con 64 GB di memoria, 6 GB di RAM con 128 GB di memoria e 8 GB di RAM con 256 GB di memoria.

Con 182 g di peso e 8,8 mm di spessore, in combinazione con lo schermo più grande, questo non è un dispositivo per un facile utilizzo con una sola mano. Ma questo è un design che incorpora una grande batteria e un jack per cuffie, quindi sicuramente piacerà a molti per questo motivo.

Il Pocophone F1 è dotato di un display FHD + da 6,18 pollici (1080 x 2246), rivestito con Gorilla Glass 3. Anche se questa non è la versione più recente, ha i suoi punti di forza. Le versioni precedenti, come la 3, erano più resistenti ai graffi, il che significa che, sebbene meno infrangibile, sopravviverà un po ‘meglio a un viaggio in una tasca piena di monete.

L’unico vero miglioramento avrebbe potuto essere trovato facendo trading con uno schermo OLED, ma ciò avrebbe comportato un aumento dei costi. Questo non è uno schermo che rompe i confini per il prezzo, tuttavia è sicuramente abbastanza buono.

10. Sony Xperia XZ3

 

 

Lo schermo OLED sbalorditivo di Sony Xperia XZ3 è un grande risultato e vede la società scavalcare LG e Samsung con il suo primo sforzo OLED. Per quanto riguarda il resto del telefono, le cose sono meno chiare. Una combinazione di uno scanner di impronte digitali fuori posto, un software frustrante e una buona fotocamera, ma non eccellente, ferma la fotocamera per impedire all’XZ3 di essere un must. Questo a meno che tu non passi tutta la tua vita mobile a guardare video.

Il Sony Xperia XZ3 è alimentato da un chipset Snapdragon 845, abbinato a 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna. Ha il supporto microSD fino a 512 GB e la batteria da 3.330 mAh è abbinata alle ottimizzazioni di Sony Battery Care e alla ricarica wireless. OLED a bordi curvi: quale altro telefono tradizionale potrebbe essere? Detto questo, giralo ed è quasi una copia carbone dell’Xperia XZ2.

Gran parte dei vantaggi dell’XZ2 dal punto di vista del design hanno fatto un ritorno: resistenza all’acqua IP68, Gorilla Glass 5 sulla parte anteriore e posteriore e uno schermo in formato 18: 9, accoppiato con altoparlanti stereo e nessuna tacca in vista.

Il display curvo aggiunge un’eleganza visiva e in mano al design. Le opzioni di colore sono nero, bianco argento, verde foresta e rosso bordeaux. Gli ultimi due sono i più sorprendenti, con Bordeaux Red che è il più accattivante dei quattro. Angoli di visualizzazione piatti, sbiaditi, mediocri, blues mal gestiti … queste sono tutte critiche lanciate agli schermi LCD TFT di punta negli ultimi cinque anni. Ora Sony è diventata OLED e tutto è cambiato.

Con il suo schermo da 6 pollici, l’XZ3 si colloca tra iPhone XS e iPhone XS Max in termini di dimensioni. A differenza delle ammiraglie di Apple e Huawei, l’XZ3 non presenta una tacca, optando invece per un OLED rettangolare con bordi curvi e angoli arrotondati, come in Samsung.

Con 1440 x 2880 è più nitido dei nuovi iPhone, con 537 pixel per pollice contro 458 pixel per pollice. Questa è più una rivelazione di quanto sembri per i seguaci di Sony di lunga data: la società ha finalmente colmato il divario tra le sue ammiraglie Full HD non abbastanza nitide di una volta e la sua eccessiva serie 4K Premium.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending