Connect with us

Elettronica

Migliori Action Cam nel 2020

Dante Alighieri

Published

on

We are supported by readers. When you purchase through links on our site, we may earn an affiliate commission.

Lo smartphone potrebbe ora essere in grado di girare alcuni video impressionanti, ma una action camera può comunque essere un ottimo investimento per alcuni motivi. In primo luogo, tendono ad essere più robusti e impermeabili della maggior parte dei telefoni, il che significa che puoi portarli in luoghi in cui il tuo alleato iPhone o Android non oserebbe calpestare.

Grazie ad una vasta gamma di accessori, possono anche essere collegati a caschi, tavole da surf, automobili e altri oggetti. Gli ultimi modelli del calibro di GoPro offrono anche raffinate modalità di scatto come HyperLaps (che stanno spostando timelapse) o, nel caso di GoPro Max, l’opzione per girare video a 360 gradi che ti consente quindi di scegliere dove guardare la fotocamera durante una scena, dopo averla girata.

Chi produce la migliore action camera? Nonostante la forte concorrenza di artisti del calibro di DJI e Insta360, GoPro produce ancora le migliori videocamere d’avventura a tutto tondo per la maggior parte delle persone. Hero 8 Black è la nostra scelta numero uno grazie al suo mix di usabilità, software raffinato e qualità video eccellente. I modelli più vecchi come GoPro Hero 7 Black, tuttavia, offrono un valore migliore se non sono necessarie le ultime funzionalità come le dita di montaggio integrate o la compatibilità con gli accessori Mod di GoPro.

1. GoPro Hero8 Black

 

 

La videocamera è stata riprogettata per eliminare il telaio necessario per montare la videocamera. Quello che vedrai invece è che GoPro ha effettivamente incorporato le dita di montaggio nella fotocamera. Questo è fantastico per me dal momento che odiavo quel telaio: ogni tanto lo dimenticavo e non riuscivo a montare la fotocamera. Ha anche bloccato lo slot della batteria e della scheda microSD, che ora si trova sul lato destro con una porta USB-C. Ciò significa che anche quando è montato, è possibile scambiare facilmente batterie e schede e caricarlo. Ed è ancora impermeabile fino a 10 metri (33 piedi).

Tuttavia, GoPro non è interamente realizzato con i frame. Annunciati insieme alla nuova fotocamera sono tre accessori modulari progettati per rendere Hero 8 una fotocamera più adatta ai vlogger. Mentre il microfono incorporato è migliorato quando si tratta di riduzione del rumore del vento, non è ancora il migliore per la registrazione di voci a meno che non ci si trovi in ​​un luogo abbastanza tranquillo.

Ottieni ancora questo tipo di movimenti di panning dall’aspetto strano che possono sembrare scatti della fotocamera, ma in generale, la stabilizzazione è incredibile considerando che è tutta elettronica e la qualità del video non sembra risentirne minimamente. La stabilizzazione potrebbe sembrare un po ‘troppo liscia a volte, tuttavia, e togliere un po’ di realismo dai clip.

È difficile non rimanere colpiti da quanta macchina fotografica è confezionata qui. Non sorprende, continua a masticare le batterie e il design e le funzionalità di Hero 8 Black richiedono una batteria aggiornata. Puoi utilizzare batterie meno recenti, ma alcune delle funzionalità, come le impostazioni HyperSmooth High e Boost, potrebbero non essere abilitate perché non possono assorbire abbastanza energia dalla batteria, ha affermato un rappresentante GoPro con cui ho parlato. Inoltre, mentre mi piace avere la porta USB-C, l’alloggiamento della scheda e la batteria sotto una porta, quella porta si apre troppo facilmente.

2. GoPro Hero7 Black

 

 

Hero 7 Black non è più la action cam di punta di GoPro, ma il suo prezzo più basso lo rende il modello con il miglior valore nella sua gamma. La qualità di video e immagini fisse è eccellente, la stabilizzazione HyperSmooth fa una differenza enorme ed è molto divertente con cui scattare. La nuova ammiraglia di GoPro, Hero 8 Black, offre un design più snello e i suoi accessori Mod in arrivo lo rendono l’opzione migliore per i vlogger. Ma per tutti gli altri, questa versione è il punto debole per prestazioni e valore.

Quando è stato lanciato, l’USP di Hero 7 Black era la sua stabilizzazione HyperSmooth, e questo rimane un ottimo motivo per sceglierlo rispetto ai modelli più vecchi o ai suoi concorrenti più economici. Una forma di stabilizzazione elettronica, HyperSmooth è in gran parte all’altezza del suo clamore come “simile a un gimbal” e ti aiuta a produrre video privi di critiche senza alcun editing, anche in situazioni difficili come la mountain bike o il go kart.

GoPro Hero 7 Black offre lo stesso tipo di carrozzeria robusta e in gran parte gommata di Hero 6 Black, anche se i lati dei dispositivi sono lisci come la parte anteriore, piuttosto che rigati. Questo significa anche che il precedente aspetto bicolore è ormai sparito, ma probabilmente avrai la GoPro in un caso di qualche tipo, quindi questo fa davvero poca differenza nell’uso.

Hero 7 Black è anche più simile a uno smartphone in funzione, con semplici passaggi direzionali per accedere a diverse modalità, filmati / immagini catturati e altro ancora. Puoi comunque alternare tra le modalità di scatto premendo il pulsante Modalità sul lato, ma puoi anche scorrere per fare lo stesso.

Hero 7 Black generalmente risponde bene a una serie di comandi vocali, anche se, come probabilmente puoi immaginare, non è abbastanza affidabile al 100%, e talvolta questi devono essere ripetuti alcune volte. Sarebbe anche utile aggiungere i tuoi comandi a Hero 7 Black, che è un’area che possiamo vedere evolvere, anche se praticamente tutte le funzioni chiave sono già coperte.

3. DJI Osmo Action

 

 

La differenza principale di Osmo Action, e ciò che lo distingue dalle altre action cam che abbiamo testato, è il suo schermo frontale da 1,4 pollici bonus. Questa fotocamera ha uno schermo su entrambi i lati. Lo schermo frontale è minuscolo, ma offre un display a colori ed è incredibilmente utile per i video selfie. Lo schermo frontale è abbastanza grande da poter dire dove ti trovi nel vasto campo visivo di 145 gradi dell’Azione. Solo questo lo renderà un acquisto irresistibile per chiunque spari principalmente da un bastone.

Nella mano, l’Azione non è un clone esatto di una GoPro, ma il suo fattore di forma è simile. DJI ha ottimizzato il design di base della action camera abbastanza da scricchiolare in un piacevole e luminoso display LCD posteriore da 2,25 pollici con un vero formato 16: 9, nessuna riproduzione di video in formato letter box come quella della serie Hero. Rende Osmo Action leggermente più largo di una GoPro, ma si sente comunque a suo agio come può percepire una minuscola fotocamera rettangolare.

DJI potrebbe essere nuovo nelle action cam, ma ha molta esperienza nella stabilizzazione di minuscole telecamere nei suoi droni. La compagnia chiama “RockSteady” il sistema di stabilizzazione dell’immagine di Action, che potrebbe deridere il sistema “HyperSmooth” ugualmente sciocco della GoPro. In ogni caso, ciò che ha portato GoPro a sette iterazioni per ottenere il giusto DJI ha inchiodato nel suo primo tentativo.

C’è molto da amare nell’azione, ma non è perfetto. Non c’è supporto per il GPS, che sembra una grande svista dato il mercato che DJI sta cercando qui. Inoltre, non c’è molto supporto per il caricamento istantaneo di filmati e nessun supporto per il live streaming. Puoi caricare relativamente facilmente utilizzando le app mobili di DJI, ma non è così semplice come offre GoPro Hero7. Il livestreaming mancante è strano, dato che altri prodotti DJI ne sono capaci. L’altra mia lamentela principale è l’uso del testo blu nei menu, che è molto difficile da vedere alla luce del sole.

4. Sony RX0 Mark II

 

 

Con il suo robusto design GoPro, è facile capire perché Sony descrive la RX0 II come una “fotocamera minuscola” e perché così tanti la collocano nella famiglia di action cam. Dopotutto, è corpulento, sicuramente progettato per la sopravvivenza e presenta il suo approccio alla stabilizzazione elettronica delle immagini (EIS), oltre ad alcuni hardware di imaging piuttosto ingegnosi.

RX0 II rappresenta un notevole aggiornamento all’originale RX0. Mentre il design complessivo è più o meno lo stesso, una nuova sorprendente novità è lo schermo posteriore inclinabile da 180 gradi da 180 gradi. Ciò consente agli utenti di catturare angoli freddi, evitando al contempo la luce solare diretta quando si inquadra un colpo.

Capovolgi lo schermo di 180 gradi verso l’alto e hai un monitor per registrare vlog o scattare selfie. Non è elegante come lo schermo frontale integrato su DJI Osmo Action, ma è una funzione utile.

Alzarsi e correre con la fotocamera presenta piccoli drammi, tuttavia è quando inizi a scavare nelle impostazioni che la tua pazienza viene testata. Produrre pulsanti difficili per navigare in quasi 30 pagine di menu sul piccolo schermo sembra giudicato erroneamente in un mondo in cui il touchscreen è il re.

Ad esempio, la navigazione nell’interfaccia touch di GoPro è semplice ma intuitiva e consente di svolgere il lavoro in modo rapido e veloce. Mentre la Sony offre un controllo molto più approfondito sulle impostazioni della fotocamera, che potrebbe fare appello a fotografi più esperti, sicuramente non è predisposta per puntare e scattare rapidamente quando si verificano quei momenti fuori dal bracciale.

5. Olympus Tough TG-Tracker

 

 

Il TG-Tracker è anche impermeabile fino a ben 100 piedi senza la necessità di una custodia aggiuntiva. Un filetto standard per treppiede è l’unico punto di attacco, ma un adattatore per montaggio GoPro viene fornito con la fotocamera, aprendo un intero mondo di opzioni di montaggio. Sebbene sia certamente costruito per gestire le esigenze della folla degli sport d’azione, è forse ancora più adatto per l’avventuriero all’aperto più casual, grazie ai suoi controlli intuitivi e alla concentrazione sul funzionamento del palmare. Nella confezione è inclusa anche un’impugnatura a pistola (chiamata Steady Grip) che migliora ulteriormente l’ergonomia.

Con specifiche che si adattano più o meno alla concorrenza, è il design del TG-Tracker che lo differenzia. Il grande obiettivo f / 2 domina la parte anteriore della fotocamera, con una piccola luce video a LED direttamente sopra di essa. Una baionetta di protezione in plastica si monta in posizione sopra l’obiettivo (nella confezione è inclusa anche una protezione subacquea per lenti con una superficie piatta). L’apertura di una porta di chiusura a due stadi sul retro della fotocamera rivela la batteria, lo slot per schede MicroSD e le porte USB e HDMI. La batteria è intercambiabile e la fotocamera può anche essere caricata tramite USB.

Con la registrazione dei dati abilitata, il TG-Tracker registra e salva continuamente i dati GPS e dei sensori quando la fotocamera viene accesa o messa in modalità “log”. È possibile accedere a queste informazioni tramite l’app Olympus Image Track (OI.Track), insieme ai video clip e alle immagini fisse associati.

Se ti piacciono le attività all’aperto e desideri una fotocamera facile da usare che offra più funzionalità e durata rispetto al tuo telefono, allora sì. Se stai cercando la migliore qualità d’immagine o desideri una action cam appositamente per l’uso montato, a mani libere, probabilmente il TG-Tracker non è l’opzione migliore per te.

6. SJCAM SJ8 Pro

 

 

Di recente, SJCAM ha rilasciato un nuovo gruppo di action cam, la serie SJ8, di cui ho brevemente parlato qui, ma per il bene di quelli che non l’hanno letto, ho deciso di riassumerlo rapidamente qui. Le nuove serie di action cam SJ8 sono composte da 3 action cam, ognuna a un prezzo diverso e con un target di riferimento diverso in mente.

Le action cam SJ8 ricordano da vicino le action cam di Yi Technology, che presenta un modello entry level, SJ8 Air (Yi Lite), SJ8 Plus (Yi 4K) leggermente più robusto e infine il loro modello di punta, SJ8 Pro.

SJ8 Pro è la prima action camera, rilasciata da SJCAM, con specifiche vicine ad altri modelli di punta come GoPro Hero 6 Black (costa quasi il doppio) e Yi 4K + (leggermente più costoso).

La codifica H265 è ancora una tecnologia relativamente nuova e rispetto ai tradizionali video H264, i video H265 occupano molto meno spazio, ma allo stesso tempo non compromettono la qualità del video.
Molte fonti diverse affermano che SJ8 Pro ha il controllo vocale, ma dopo aver cercato le impostazioni, non sono riuscito a trovare alcuna funzione di controllo vocale.

SJ8 Pro è in grado di filmare fino a 4K 60fps ma è meglio usare quella risoluzione solo se si dispone di un gimbal poiché la stabilizzazione giroscopica non è supportata a quella risoluzione, quindi il video potrebbe essere un po ‘traballante senza un gimbal.

Questo è il motivo per cui il mio go-to o le risoluzioni predefinite sarebbero 4K 30fps o 1440p 60fps. Sono anche abbastanza confuso sul perché non consentissero scatti da 2,7K perché sarebbe un ottimo ponte tra 4K e 1080p.

7. Garmin VIRB XE

 

 

Garmin non cita alcun grado di protezione IP (IP), ma la società sostiene che VIRB XE può funzionare a temperature da -20 ° C a 45 ° C. Può persino resistere a cinque atmosfere di pressione, che equivalgono a una profondità di 50 m sott’acqua. Ciò si ottiene con un pannello di bloccaggio sicuro nella parte anteriore del dispositivo, che sarebbe estremamente difficile da aprire accidentalmente.

Quando l’originale VIRB ha raggiunto il massimo in Full HD e offriva solo una modalità slow motion WVGA (854 x 480) 120 fps, il VIRB XE aumenta il massimo a 1440p (1.920 x 1.440) a 30 fps, anche se purtroppo non presenta 4K. Può anche scattare 1.080p fino a 60fps, 960p fino a 100fps e 720p fino a 120fps. Poi c’è una modalità full slow motion a 480p a 240 fps.

Tuttavia, il sensore sottostante ha le stesse dimensioni di 1 / 2,3 pollici e in realtà ha una risoluzione ridotta di 12,4 megapixel. A differenza della maggior parte delle action cam, VIRB XE è dotato di stabilizzazione dell’immagine. Sebbene sia principalmente elettronico, VIRB XE utilizza anche il rilevamento giroscopico per migliorare le sue capacità. Ho scoperto che questo ha avuto alcuni effetti positivi sul jerkiness del video. Anche se non è efficace come un buon sistema ottico, vale la pena averlo.

Anche se il mercato delle action cam sta diventando sempre più affollato, Garmin è riuscita a produrre una videocamera sportiva estrema con abbastanza nuove funzionalità da renderlo degno di considerazione.

La mancanza di un’opzione di scatto 4K è un peccato, ma per il resto ci sono alcune eccellenti opzioni di risoluzione e frequenza dei fotogrammi disponibili, comode impostazioni manuali, connettività dei sensori e buona qualità dell’immagine.

8. Sessione GoPro Hero 5

 

 

La GoPro Hero5 Session è un grande miglioramento della qualità di video e foto rispetto alla Hero Session originale.  Le dimensioni ridotte impongono alcuni compromessi delle funzionalità, la peggiore delle quali, almeno per me, è che non esiste una batteria rimovibile.

La breve durata della batteria è una cosa (è circa un’ora e mezza di registrazione a 1080p a 60fps), ma non essere in grado di sostituire un pacchetto nuovo significa che potresti perdere la migliore azione della giornata.

La Sessione, tuttavia, è solo molto divertente da usare. Premi il grande pulsante di registrazione in alto e si avvia e avvia la registrazione. Premerlo di nuovo e si ferma e si spegne. Non vuoi toccare affatto un pulsante? GoPro ha aggiunto controlli vocali per l’avvio e l’arresto delle registrazioni, lo scatto di foto, la modifica delle modalità e persino l’assegnazione di tag ai momenti salienti delle clip.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending